Addio plastica monouso

 

Plastica monouso al bando dall'Ue entro il 2021: addio a piatti, cannucce e cotton fioc

Entro il 2021 il consumo di oggetti in plastica monouso sarà vietato in tutta l'Unione Europea. Articoli usa e getta come posate, bastoncini cotonati per pulirsi le orecchie, piatti, cannucce, miscelatori per bevande (le palettine per mescolare il caffè) e bastoncini per palloncini, infatti, costituiscono oltre il 70% dei rifiuti marini. È la proposta votata oggi dal Parlamento Europeo e passata con 571 voti favorevoli, 53 contrari e 34 astenuti. L'Eurocamera avvierà negoziati con il Consiglio non appena i ministri Ue avranno stabilito la propria posizione comune. La proposta è stata avanzata della relatrice Frédérique Ries (Alde, Belgio), che ha ringraziato «la plenaria per il suo massiccio sostegno». 

Fonte : Il messaggero.it

 

 divisorio                  

 

 

Quando la plastica diventa BIO

acqualimone“Se la vita ti offre dei limoni... fanne una Bioplastica”

Gli scenziati dell’Institut Català d’Investigació Química (ICIQ) hanno "interpretato" a modo loro il vecchio detto e hanno sviluppato il metodo per produrre un policarbonato ecologico privo di bisfenolo A (BPA).

La plastica è uno dei materiali più utilizzati nella fabbricazione di oggetti usati nella vita quotidiana e ormai è intorno a noi dappertutto. È composta da un idrocarburo biosfenolo A (detto anche BPA), che nonostante sia classificato come sostanza chimica sicura, lascia comunque la perplessità che riguarda i possibili effetti nocivi.

L’obiettivo di ricercatori dell’ICIQ è divenuto quello di trovare una variante ecologica.  Così è stato sviluppato un policarbonato che impiega limonene, l’idrocarburo contenuto nella buccia degli agrumi, e CO2. Gli scienziati hanno fatto reagire il limonene con l’anidride carbonica ed hanno ottenuto un prodotto composito chiamato PLDC ossia carbonato di polilimonene. Questa bioplastica era già stata creata nel 2000, ma solo adesso i ricercatori sono riusciti a migliorare le sue proprietà termiche, facendolo diventare il policarbonato con la massima temperatura di transizione vetrosa.

Come spiega Arjan Kleij, il capo del team: “Possiamo iniziare ad aggiungere piccole quantità di limonene, per rimpiazzare progressivamente il BPA; passo dopo passo, il processo di adattamento potrebbe portare a nuovi materiali derivanti da questa bioplastica con proprietà simili, o addirittura nuove e migliorate”.

divisorio

Stop all'uso di bicchieri usa e getta - Perchè?

Stop all'uso di bicchieri usa e getta- Perchè? 

   In un mondo caratterizzato, nel bene e nel male, dalla velocità, si ritiene erroneamente che le stoviglie usa e getta siano più convenienti di quelle riutilizzabili.

Perché allora dire stop all'uso delle stoviglie mono uso?

      La risposta è semplice: i materiali più utilizzati per la fabbricazione di stoviglie usa e getta sono ottenuti dalla lavorazione del petrolio. Inoltre, in questo processo vengono impiegati più di duecento litri di acqua. 
Uno spreco che non possiamo più sostenere: pensate a quante stoviglie di plastica vengono gettate dopo un solo utilizzo nei pub, nei bar o durante manifestazioni e sagre! 
      Soltanto in Italia vengono vendute e buttate via quasi 115.000 tonnellate di stoviglie mono uso all’anno. 
Il bicchiere riutilizzabile costituisce così una soluzione ideale sotto tutti i punti di vista. 
ecobicchiere           I bicchieri in plastica rigida riutilizzabili non sono solo più ecosostenibili di quelli usa e getta, ma sono anche più resistenti di quelli di vetro che possono facilmente rompersi. 
          Oggi in commercio esistono diversi modelli e possono essere persino personalizzati, come sanno bene i produttori di birra. Non più dunque bicchieri di vetro da collezione, adesso il nuovo trend riguarda anche i modelli riutilizzabili in plastica. 
        Sono sempre più numerosi i locali che hanno deciso di adottare, ad una cifra irrisoria, la politica della cauzione sul bicchiere. A fine serata, dopo aver bevuto la propria birra o qualsiasi altra bevanda, è possibile renderlo, recuperando la cauzione, o decidere di tenerlo come ricordo. Gestori e proprietari ottengono, in questo caso, un ulteriore guadagno. Così, possiamo dare una mano anche all'ambiente.
      I bicchieri riutilizzabili sono sicuri, possono essere lavati svariate volte, anche in lavastoviglie!

divisorio

La Francia dice "NO" al monouso

La Francia ha deciso: addio ai piatti ed ai bicchieri monouso.

Parigi continua la sua battaglia ambientalista vietando i prodotti usa e getta in plastica. I produttori hanno 4 anni per adeguarsi e passare a materiali biodegradabili.

In base alle stime, in Francia vengono prodotti quasi 5 miliardi di bicchieri di plastica, dei quali solo l'1 per cento viene riciclato.

Stessi dati impietosi per quel che concerne piatti e co.

Fonte: http://www.tpi.it/mondo/francia/francia-divieto-piatti-posate-bicchieri-plastica

divieto piatti posate bicchieri plastica

divisorio

 

pagamento-long
Copyright © SkyGlass 2012                                 

SERVIZIO CLIENTI

FAQ
Account